• Home >
  • Generale >
  • Setup 8/12 gennaio. Bottom e ripartenza fino a marzo 2018

Generale

Setup 8/12 gennaio. Bottom e ripartenza fino a marzo 2018

Generale

Il top storico di 51335 di future perpetual ha generato un Fattore Tempo, ovvero la giusta quantità di tempo – con la t minuscola – che serve al derivato domestico per arrivare a 51335 partendo da un qualsiasi punto.

Facendo partire questo Fattore Tempo dalla data di nascita del future perpetual del 28 novembre del 1994, al 18 dicembre del 2017 è scaduto il 3° di questo quadrato, con il primo al 06 agosto del 2002, il secondo al 13 aprile del 2010 e appunto adesso il terzo.

E’ importante notare che quando il 13 aprile del 2010 terminò il secondo quadrato, il derivato domestico segnò il massimo solo 2 giorni dopo – fatto il giorno 15 al prezzo di 23175 – e subito ci fu poi il minimo a 17910 nella giornata di venerdì 07 maggio 2010 che fu anche il minimo di quell’anno solare.

In sostanza solo 24 giorni dopo la scadenza del 13 aprile il prezzo scese per un minimo importante.

Ora se noi aggiungiamo 24 giorni dopo la scadenza del 18 dicembre 2017 arriviamo a giovedì 11 gennaio 2018.

Osservare il grafico:

La data della settimana 8/12 gennaio 2018 arriva anche per altri conteggi che andiamo a vedere:

  1. E’ la data più importante dell’anno secondo i principi della Gann-Theory. Infatti diceva WDGann che la prima decade di gennaio generalmente segna massimi e minimi di estrema importanza che se coincidenti con la scadenza di grandi cicli, tali massimi e minimi possono durare anche per anni. Ne è testimonianza il top storico di inizio millennio del Dow Jones Industrial Average fatto il 15 gennaio 200o al prezzo di 11750,28 e superato solo nella prima settimana di ottobre del 2006 quindi quasi 7 anni dopo.
  2. Se osserviamo il ciclo dei 9 anni, noteremo che questo si muove contrario da dove è partito. Infatti dal top storico del 07 marzo 2000, 9 anni dopo abbiamo il minimo il 09 marz0 2009, così come dal minimo del 12 marzo 2003 – fine bear trend a seguito bolla della New Economy – abbiamo avuto il massimo del 14 marzo del 2012 con conseguente caduta del prezzo. Ora, il 06 gennaio del 2009 il marcato segnò un massimo a 21090 e discesa repentina per due mesi fino a marzo 2009. Con il minimo l’11 gennaio del 2018 – contrario a 9 anni prima – solo rialzo fino a febbraio/marzo.
  3. Se prendiamo un normale ciclo di borsa – ricordo che un ciclo parte sempre da un minimo e scade con un minimo – noteremo che da fine dicembre 2014/inizio gennaio 2015 – minimo a 17735/17995 – il derivato domestico 18 mesi dopo segna il minimo il 27 giugno del 2016 a 14990 – a causa Brexit – e i primi di luglio. Aggiungendo altri 18 mesi, arriviamo alla data dell’11 gennaio del 2018.

Osservare il grafico:

In definitiva la rottura dell’angolo 1×1 giornaliero che sale dal minimo di 16025 di lunedì 21 novembre 2016 e passante oggi a 22440, con la rottura del supporto posto in area 21940/21875 – conferma del setup di massimo di lunedì 11 dicembre 2017 al prezzo di 22835 – porterà il derivato domestico a segnare un minimo a 21090 per l’11 gennaio 2018.

Un saluto a tutti.

Claudio Zanetti.

Richiedi informazioni

Nome e Cognome

Email

Oggetto della richiesta

Messaggio