Generale

Nuovi record a Wall Street

Generale

Con le chiusure sui massimi della settimana, del mese, del trimestre, del semestre e dell’anno scorso, era implicito che tutti gli indici americani salissero sopra i massimi fatti a fine 2017, e questo fatto ha portato a nuovi massimi storici con lo Standard and Poor’s 500 che disegna la 14° barra mensile consecutiva al rialzo, ovvero senza che il prezzo scenda sotto il minimo del mese precedente.

Un record se si pensa che statisticamente da 7 a 10 barre nella stessa direzione generalmente il prezzo interrompe la sequenza. Tuttavia sapevamo che fino al 18 febbraio del 2018 non avremmo inversioni primarie a Wall Street, dato che quella è la data già fissata secondo i canoni del tempo studiati in base alla Gann-Theory.

Detto ciò nella giornata di ieri abbiamo assistito al fatto che il nostro future perpetual è andato a ritestare egregiamente il supporto indicato nella prima newsletter di quest’anno e posto a 21610. Infatti toccando il livello di 21620 e successivo rimbalzo ha non solo confermato che il minimo del giorno prima a 21520 si è dimostrato come un eccesso ribassista, ma ha confermato come le due sezioni o gambe o campagne – come le chiamava William Delbert Gann – sono lunghe uguali.

Osserviamo il grafico:

Un saluto a tutti.

Claudio Zanetti.

Richiedi informazioni

Nome e Cognome

Email

Oggetto della richiesta

Messaggio